Attenzione: data l'ordinanza del 1 Aprile 2021, è vietato imbarcare veicoli per l'isola di Procida. Contattateci via email per ulteriori informazioni.  

Procida 2022

Procida nominata Capitale della Cultura Italiana 2022: Il 18 Gennaio scorso il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini ha proclamato in diretta Zoom la capitale italiana della cultura per l’anno 2022, scelta da una commissione di esperti guidata dal professore Stefano Baia Curioni.

La città è stata scelta tra altre 9 concorrenti, e per la prima volta da quando il titolo è stato istituito, a spuntarla è stata un’isola.

A conquistare la giuria è stato il dossier presentato il giorno dell’audizione, intitolato “Procida, La cultura non Isola”, che sottolinea come “la terra isolana è luogo di esplorazione, sperimentazione e conoscenza, è modello delle culture e metafora dell’uomo contemporaneo.

Potenza di immaginario e concretezza di visione ci mostrano Procida come capitale esemplare di dinamiche relazionali, di pratiche di inclusione nonché di cura dei beni culturali e naturali”. Grande emozione per il Sindaco di Procida Raimondo Ambrosino, che ha indicato questa vittoria come una grande occasione di riscatto:

“Procida può essere considerata una metafora di tanti luoghi, di tante amministrazioni, di tante comunità che hanno riscoperto l’entusiasmo e l’orgoglio del loro territorio e che con questo titolo vogliono costruire un riscatto importate per le proprie terre”.

Un progetto poetico, una visione della cultura, che dalla piccola realtà dell’isola si estende come un augurio al Paese

Selezionata da una giuria presieduta da Stefano Baia Curioni, la motivazione della scelta di Procida è stata letta dal Ministro Dario Franceschini: “Il progetto culturale presenta elementi di attrattività e qualità di livello eccellente. Il contesto di sostegni locali e regionali pubblici e privati è ben strutturato, la dimensione patrimoniale e paesaggistica del luogo è straordinaria, la dimensione laboratoriale, che comprende aspetti sociali e di diffusione tecnologica è dedicata alle isole tirreniche, ma è rilevante per tutte le realtà delle piccole isole mediterranee. Il progetto potrebbe determinare, grazie alla combinazione di questi fattori, un’autentica discontinuità nel territorio e rappresentare un modello per i processi sostenibili di sviluppo a base culturale delle realtà isolane e costiere del paese. Il progetto è inoltre capace di trasmettere un messaggio poetico, una visione della cultura, che dalla piccola realtà dell’isola si estende come un augurio per tutti noi, al paese, nei mesi che ci attendono”.

Iscriviti alla newsletter

Esplora centinaia di luoghi e vivi tantissime esperienze a portata di mano.

.

Hai un'attività commerciale?

Entra a far parte del network di eccellenze Procidane!

Iscriviti